Triestina, iscritta in C

Conclusa la stagione 2021/2022 a fasi alterne, dopo la morte del presidente Mario Biasin la Triestina con un cambio di proprietà si è iscritta in C e garantito il futuro

Chiusa l'ultima stagione con l'eliminazione al primo turno nazionale dei play off il club alabardato, dopo la tragica scomparsa del Presidente Mario Biasin a metà Maggio, nell'ultimo giorno utile si è iscritta al prossimo campionato di C con un cambio di proprietà che ha garantito i fondi per l'iscrizione

Tifosi alabardati che seguono sempre con passione la squadra e con il salvataggio del club aspettano di tornare a seguire da vicino al Rocco e sostenere la squadra per una nuova importante stagione

Dopo aver chiuso la stagione con il 5° posto in campionato e l'uscita dai play off al primo turno nazionale con il Palermo poi promosso in B, la morte del presidente Biasin ha creato un vuoto enorme ed incertezze e dubbi sul futuro societario. Una persona amata ed un presidente stimato ed apprezzato da tutto l'ambiente e città che ha riportato entusiasmo con un progetto di crescita e sviluppo del vivaio e l'acquisto dell'impianto Ferrini per una casa alabardata . Progetti però che con la tragica scomparsa il 16 Maggio hanno avuto di colpo un incertezza e dubbi sul futuro societario. Entro il 22 Giugno tutte le società hanno presentato le garanzie economiche e documenti, e la società giuliana in extremis nell'ultimo giorno utile è riuscita ad iscriversi con il cambio di proprietà dalla famiglia Biasin che resta al 20 % e l%80€ che passa all'Atlas Consulting di Simone Giacomini ed Antonio Maira che garantisce i soldi per l'iscrizione in C ed il futuro della società.

Nei tempi dunque stretti per l'iscrizione della Triestina con l'amministratore Milanese e la famiglia Biasin che è riuscita a salvare il club in extremis e continuare il cammino in C del club cedendo la maggioranza della società all'Atlas, società giovane fondata nel Luglio 2020 coprendo tutti i pagamenti e presentando in tempo le garanzie economiche e documenti per continuare in C e dare un futuro alla squadra e società. Nuova società che si presenterà nei prossimi giorni punta sullo sviluppo del vivaio e del centro sportivo Ferrini e di crescita ed ambizione della squadra. Passato l'incubo della iscrizione, ora si guarda al campo ed all'allestimento della squadra a partire dallo staff tecnico dopo la partenza di mister Bucchi passato all'Ascoli in B ed alla rosa da formare con tanti giocatori svincolati.

Tifosi alabardati che hanno seguito con passione le notizie della società alabardata ed attendono di tornare a seguire da vicino al Rocco la squadra per un nuovo campionato di C da vivere e che hanno rinnovato la registrazione del marchio per dieci anni dimostrando sempre la passione per i colori rossoalabardati. .

Un futuro garantito in extremis con il passaggio ad nuova proprietà e l'iscrizione al torneo di C per proseguire la gloriosa storia dell'Unione Sportiva Triestina Calcio 1918.