2017: il ritorno in Serie C con un progetto

Il 2017 del calcio italiano Ŕ stato un anno difficile e quasi fallimentare, l'Italia guidata da Giampiero Ventura manca la qualificazione ai Mondiali 2018 in Russia ed ora attende un nuovo CT ed uno nuovo presidente federale per ripartire. La Juventus rivince per la sesta volta di fila il campionato di Serie A e la Coppa Italia ma perde la finale di Champions con il Real Madrid, mentre salgono in A Verona, Spal e Benevento con una promozione storica ma con tante difficoltÓ nella massima serie.

Il 2017 per i colori rossoalabardati Ŕ l'anno di crescita e rinascita dopo anni bui e negativi dal punto di vista societario. Dopo 5 stagioni l'Unione torna in Serie C con il supporto dei tifosi che ritrovano grande entusiasmo e con il club che dopo anni punta sul vivaio con un progetto a medio - lungo termine.

L'anno 2017 nella prima parte di stagione con Antonio Andreucci in panchina ottiene attraverso i play Off e con il ripescaggio l'ammissione alla Serie C, e da Luglio con mister Giuseppe Sannino alla guida ed una squadra quasi completamente nuova punta ad un buon torneo con 25 punti raccolti ad inizio girone di ritorno.


I tifosi hanno ritrovato grande entusiasmo e passione per gli alabardati seguendo la squadra sia in casa che in trasferta festeggiando a Dicembre i 99 anni di storia del club con tante ricorrenze e celebrazioni da trascorrere nel nuovo anno per ripercorrere la storia dell'Unione Sportiva Triestina 1918.

L'imprenditore triestino australiano Mario Biasin con la gestione di Mauro Milanese ha riportato la squadra in C e ricostruito il vivaio allestendo tutta la filiera alabardata assente da anni con un progetto a lungo termine. In campionato al ritorno in terza serie, prima parte di stagione discreta puntando a competere per un buon campionato con il miglior attacco del girone.

Dodici mesi alabardati di crescita e sviluppo, con i tifosi che sono tornati a seguire con passione i colori rossoalabardati :

Gennaio:
L'anno 2017 si apre con un mese produttivo con tre vittorie su quattro partite con l'unico ko con il Cordenons in casa 0-1 con la conferma del secondo posto in D dietro al Mestre per un confronto che durerÓ quasi tutto il girone di ritorno.

Febbraio:
A Febbraio con l'arrivo di Banegas e Meduri la squadra si rinforza sul mercato e prosegue con un filotto di quattro successi grazie anche alle reti del bomber Franša. Da segnalare i successi esterni con l'Altovicentino 2-5 e Calvi Noale 1-2 con rete dei tre punti di Bradaschia al 90'.

Marzo:
Il Mestre prosegue in vetta ed il pareggio in trasferta degli alabardati con la Vigontina 1-1 rallenta la corsa ma una doppia vittoria in casa con Tamai 2-0 e Vigasio 3-0 riporta in corsa la formazione giuliana che nelle ultime giornate si gioca le ultime possibilitÓ per la prima posizione.

Aprile:
Ad Aprile la societÓ festeggia un anno dall'acquisto della nuova proprietÓ e gestione di Mauro Milanese ed il cugino presidente Mario Biasin, ma in campionato con i pareggi a Belluno 1-1 ed interno con l'Abano 1-1 lascia definitivamente il primo posto al Mestre. La sfida diretta regala emozioni con i veneti avanti di tre reti e gli alabardati che nel finale con la rete di Franša e la doppietta di Dos Santos pareggia 3-3 e nelle ultime tre gare il tecnico Andreucci e la squadra si preparano ai play off promozione.

Fine stagione:
Nell'ultima giornata gli alabardati battono la Virtus Vecomp 2-1 e chiudono al secondo posto davanti a Campodrsego, Virtus Vecomp ed Abano. Nel finale di campionato la formazione rossoalabardata arriva con qualche infortunato in difesa ed a centrocampo, con il tecnico Andreucci che cambia qualche elemento e con alcuni scesi in campo negli spareggi ma non in forma. In semifinale play off sfida all'Abano in una gara equilibrata e sofferta, vantaggio giuliano nella ripresa con Corteggiano, ma nel finale Pagan pareggia direttamente da calcio d'angolo per l'1-1. Si va ai supplementari e sono trenta minuti di sofferenza con la spinta del Rocco che si fa sentire, nel finale di primo tempo il portiere Consol para il rigore decisivo ed al fischio finale Ŕ festa sotto la Curva Furlan. La finale Play Off si disputa al Rocco con la Virtus Vecomp ed Ŕ un altro incontro di sofferenza e passione ma con una gioia immensa a fine partita. Con i veronesi la gara si mette male dopo pochi minuti con l'autorete di Meduri, gli alabardati cercano la rete del pareggio fino alla fine ed al 48' del secondo tempo Aquaro realizza il gol dell'insperato pareggio 1-1 e si va ai supplementari. Ai supplementari le due squadre stanche cercano il gol ma termina in paritÓ e la Triestina festeggia con i tifosi in campo la vittoria dei play Off per il miglior piazzamento in campionato.

Estate (Giugno, Luglio ed Agosto)
Nei mesi estivi la societÓ rossoalabardata fa un grande lavoro fra iscrizione ai campionati e mercato. Dopo qualche settimana d'incertezza per una norma il club ottiene il ripescaggio in Serie C e torna in terza serie a distanza di 5 anni, e sul mercato Mauro Milanese con l'arrivo in panchina dell'esperto Giuseppe Sannino ricostruisce la squadra con tanti giocatori nuovi. Due giovani portieri Boccanera e Perisan, in difesa assieme alle conferme di Aquadro e Pizzul, arrivano Mori, Grillo, El Hasni e Codromaz. A centrocampo restano Meduri e Celestri ed indossano la maglia alabardata Porcari, Bracaletti,Castglia ed Acquadro ed in attacco lascia Carlos Franša ma arrivano Mensah, Pozzebon, Petrella, il ritorno di Bariti ed il bomber Arma per una squadra costruita per fare un buon campionato. La societÓ lavora anche per il futuro con l'allestimento di tutte le formazioni del settore giovanile e la conferma della squadra femminile che sale di categoria.  

Inizia dunque il campionato di Serie C 2017/2018:

Settembre:
Il campionato di Serie C inizia al Rocco al secondo turno fra l'entusiasmo dei tifosi con oltre 5.000 spettatori con il pareggio con la Reggiana 1-1 con gol di Arma che rimedia alla rete subita dopo pochi secondi dall'avvio. Prime giornate alterne con il netto successo 1-5 a Ravenna, pari interno con l'Alto Adige e la sconfitta esterna all'ultimo minuto con il Mestre 2-1. La campagna abbonamenti si chiude con 2.153 sottoscrizioni ed i tifosi che seguono in buon numero fin dalla prima gara la squadra sia in casa che in trasferta per dare sostegno e forza al rinnovato gruppo alabardato.

Ottobre:
Momento balbettante con il ko in casa con il Renate 0-1 ed il pareggio esterno senza reti con l'Albinoleffe ma all'ottava giornata arriva finalmente il primo successo al Rocco con il 3-0 sulla Fermana. Importanti i risultati a Bassano 1-1 e la vittoria a Vicenza 1-3 con il pari in casa con il Santarcangelo che chiude il mese e le prime dieci giornate di campionato per gli alabardati.

Novembre:
Il mese si apre con l'esclusione del Modena con la classifica ed il torneo che cambia con due squadre che riposano ad ogni giornata. Gli alabardati vincono a Pordenone 2-4 e dopo il pari al Rocco con il Teramo, cadono a Padova 2-1 pur giocando bene. Qualche infortunio di troppo costringono il tecnico Sannino ad impiegare quasi sempre gli stessi giocatori soprattutto in difesa ma il mese si chiude con un bel successo in casa con il Gubbio 3-1.

Dicembre:
Si chiude il girone d'andata a 25 punti dopo la sconfitta di misura a Fano 1-0, il successo interno con la Feralpi Sal˛ 2-1 grazie alla doppietta di Petrella ed il pari nel fango con la Sambenedettese 1-1. L'anno si chiude con la sconfita in trasferta con la Reggiana che termina l'anno in una discreta posizione di classifica.

A Gennaio dopo la sosta ed il mercato riprende il torneo con la Triestina che punta a disputare un buon campionato nelle prime posizioni.

Anno 2017 di crescita e sviluppo con il ritorno in C con l'anno del centenario della storia alabardata che si apre con ambizioni importanti per il futuro con il supporto dei tifosi per un anno da ricordare

Triestina cha ha chiuso un 2017 di rilancio e punta nell'anno del centenario ad una stagione da protagonista con la passione dei tifosi per i colori rossoalabardati !!!


Curva Furlan in festa per il ritorno in C della squadra alabardata