Home Page   Home Page
PROTAGONISTI
 

Maurizio Costantini

Costantini classe 1962
Fonte Foto Franco Barbagallo  (ACIFOTOPRESS)

Un giocatore che ha passato gran parte della sua carriera con la maglia della Triestina diventando anche capitano e poi alcuni anni dopo allenatore della squadra giuliana e' Maurizio Costantini difensore  arrivato ancora giovane a Trieste che ha passato e vissuto tante partite e storie con questa maglia

Maurizio Costantini e' nato a San Dona' di Piave il 15/04/1962  ed ha giocato nella Triestina per ben 10 campionati consecutivi dal 1981 al 1991 percorrendo tutte le  tappe del periodo targato Del Sabato e De Riu'. E' stato anche allenatore nella stagione 1999/2000, ritorna sulla panchina giuliana nell'Ottobre 2012 guidando la nuova Unione Triestina 2012 nel torneo d'Eccellenza ed in Serie D .

Maurizio Costantini ha iniziato a giocare nelle giovanili del Conegliano  squadra da cui la Triestina lo ha acquistato nell'estate del 1981. Infatti proprio dal campionato 1981/82 inizia la lunga avventura in maglia alabardata ceduto alla Triestina dallo sponsor di allora Teofilo Sanson. Costantini arrivo' qui a Trieste giovanissimo ed ancora militare ma ben presto diventera' un giocatore importante per ogni allenatore che si avvicendera' sulla panchina alabardata.

 
Costantini detto "roccia"
fonte cctriestinaclub.it

In questa stagione oltre al suo acquisto saranno presi altri giocatori importanti per la storia della Triestina come De Falco, Ascagni, Leonarduzzi. Nel campionato la squadra con A. Buffoni in panchina in C1 parte in salita con alcune sconfitte poi si riprende e resta fra le prime del campionato ma non riuscendo mai ad inserirsi nella lotta promozione. Alla fine arrivera' 5  con 40 punti. Costantini di presenze ne fa 29 in questo torneo e incomincia a dimostrare le sue qualita' di difensore realizzando anche 2 gol, uno al Monza nella gara vinta per 1-0 e l'altro a Treviso nella gara poi vinta 2-0 . Quella fu una delle gare migliori di questa stagione per lui.


Costantini con la maglia dell'unione
fonte cctriestinaclub.it
 

La stagione 1982/83 sempre con Buffoni in panchina viene ancora ricordata adesso come un campionato straordinario, memorabile che riporta la Triestina in B dopo 18 anni di lunga attesa. Questa stagione infatti fu trionfiale dall'inizio alla fine che si concluse con il primo posto e il ritorno in B con tre giornate d'anticipo. Uno dei mattatori di quel campionato fu De Falco che realizzo 25 reti ed ottenne il titolo di capocannoniere. Costantini colleziona 30 presenze, giocando ancora uno splendido campionato. La difesa di gol ne subisce  appena 22 e alla fine risulta una delle meno battute. Grazie alla sua grinta, forza fisica e bravura Maurizio venne denominato in quegli anni 'roccia'  nome con cui anche i tifosi lo identificano.

Dopo 18 anni dunque e' serie B. La squadra venne in gran parte rinnovata con gli acquisti fra gli altri di F. Romano, Vailati, De Giorgis Braghin.fra i confermati De falco, Mascheroni e anche Costantini. In questa stagione 1983/84 con ancora Buffoni in panchina, il campionato parte in salita la squadra si riprende e concludera la stagione al nono posto finale. Costantini gioca 22 gare, questo per lui fu il campionato che realizzo' meno presenze, ma vista la sua giovane eta' e le difficolta' della serie B si dimostra un buon difensore. La Stagione seguente 1984/85 con il nuovo allenatore Giacomini rimangono in pochi fra i giocatori tra questi oltre a Costantini, Romano e De Falco arrivano invece Cerone, Bisttazzoni in porta e Bagnato. Solo 16 i giocatori utilizzati in questo campionato infatti Costantini  fu uno dei piu' presenti con 35 presense in 38 gare ed una rete realizzata contro il Lecce in trasferta nella gara finita 2-2

La difesa in quel campionato era formata spesso da:  Bistazzoni, Bagnato, Costantini, Cerone, Biagini e Dal Pra'. questa stagione conclusasi con 47 punti puo' essere ricordata come  quella del 5░ posto e della promozione sfiorata fino all'ultima giornata. Il campionato incomincia bene poi un calo e di nuovo una serie positiva con cui si chiude l'andata 22 punti  in 5 posizione. Nel ritorno dopo una sconfitta la Triestina non perde piu' fino all'ultima giornata ma e' a causa di due pareggi nelle ultime tre giornate  perdera'  la grande occasione di approdare in A. Nuova stagione 1985/86 e nuovo tecnico Enzo Ferrari con molte cessioni ed acquisti anche quest'anno. Arrivano Cinello, Orlando, Menichini e Gandini partono Vailati, De Giorgis, Biagini. obiettivo la serie A e infatti l'inizio e' buono poi un calo e l'inizio del calcio scommesse che riguardera' anche la Triestina con 2 gare contro il Palermo e l'Empoli entrambe fuori casa.

 

Costantini in un azione di gioco
fonte cctriestinaclub.it

Il campionato continua e la Triestina si riprende e alla fine del torneo arrivera' 4 con 45 punti ma visto il pasticcio del calcio scommesse anche la Triestina con altre formazioni viene penalizzata di un punto che non le permettera' di giocare lo spareggio con l'Empoli . Costantini in questa stagione gioca 31 partite realizzando 1 gol contro l'Empoli in casa decisivo per la vittoria casalinga contro i toscani per 1-0. Anche in questo torneo disputa gran parte delle gare mostrando autorita' e grinta nei suoi interventi in difesa.
Il campionato seguente 1986/87 che parte con 4 punti di penalizzazione presto eliminati vede una squadra confermata in blocco con la conferma anche di Ferrari in panchina. Dopo la cessione di Romano al Napoli arriva Causio a fine carriera. Per la squadra un campionato di meta classifica sia all'andata che al ritorno con 35 punti finali e 11 posto in graduatoria. Costantini di gare ne colleziona 33 senza alcuna rete ma risultando il difensore piu' utilizzato da Ferrari in campionato. La stagione 1987/88 con altri 5 punti di penalizzazione vede la squadra giuliana far a meno di  De Falco che interrompe cosi' 6 anni di gol e grandi giocate in maglia Alabardata ma per lui e' un arrivederci .


Costantini ha collezionato 307 presenze con l'Unione con 5 gol.. fonte cctriestinaclub.it

Il capitano della Triestina di quest 'anno diventa a tutti gli effetti Maurizio Costantini visto anche la sua lunga militanza in maglia alabardata fino a questo momento. Di presenze in campionato ne fa 35. Il campionato pero' non e' dei migliori infatti causa anche i punti di penalizzazione la squadra non riesce evitare la retrocessione in C1 dopo 5 anni e due promozioni sfiorate. Alla fine arrivera' al 19░  posto con 28 punti. Dunque si riparte  dalla C1 con un nuovo allenatore triestino Marino Lombardo e molti volti nuovi fra i giocatori fra i quali il ritorno di Franco De Falco , Danelutti e Simonetta . Confermati Costantini , Papais, Cerone e i 2 portieri Gandini e Cortiula. In C1 la Triestina parte bene  poi qualche battuta d'arresto e la ripresa e l'inserimento nelle primissime posizioni della classifica fino alla fine. A 4 turni dal termine la Triestina e' ancora li  a lottare per una promozione in B all'inizio neanche immaginata. La Triestina le vince tutte approdando dopo solo un anno nelle serie cadetta con 44 punti arrivando seconda.

   

Da ricordare di queste ultime partie quella finale vinta dalla Triestina per 1-0 grazie ad un gol di Giorgio Papais contro la Spal a Ferrara dove sono arrivati ben 6.000 tifosi alabardati. In questo campionato trionfale grazie al ritorno in B Costantini da capitano realizza 33 presenze diventando il giocatore piu ' presente con Simonetta, autore di 9 reti, nel campionato stagione 1988/89. Dunque dopo un amara retrocessione l'immediato ritorno in B.
Il campionato 1989/90 si ritorna in B e viene confermato l'allenatore della promozione Lombardo ma non l'intera squadra infatti lasciano Trieste De Falco dopo 7 sette campionati e 82 reti fatte con la maglia alabardata e Simonetta. Costantini da capitano (3 stagione ) affronta il nono campionato consecutivo con la maglia della Triestina confermandosi anche difensore di qualita' e  affidamento nelle sue 34 gare collezionate in questa stagione realizzando anche una rete nella vittoria casalinga per 2-0, suo il primo gol contro la squadra veneta . La stagione e' un campionato di meta' classifica con vittorie importanti ed alcuni scivoloni in uno dei quali viene esonerato  Lombardo per lasciar posto a Giacomini, per lui un ritorno. Il campionato si chiude in 12 posizione con 33 punti in un torneo anonimo per la squadra giuliana. La stagione 90/91 con Giacomini in panchina vede una squadra quasi completamente rifatta con gli acquisti di Scarafoni, Conca, Soda ed Urban. Per Costantini questa' sara' la decima stagione con la Triestina ma anche l'ultima finita amaramente con una retrocessione al termine della stagione. Per lui 25 presenze  in questo campionato senza alcuna rete . La stagione  e' deludente con il cambio di allenatore Giacomini - Veneranda servito a poco. Partenza lenta , qualche cenno di risveglio  poi dopo il cambio di tecnico la squadra riesce racimolare appena 11 punti e terminera' il campionato al 19 posto con 30 punti.


formazione 1990/91 Costantini secondo seduto a sinistra fonte cctriestinaclub.it
 

Dopo il mesto ritorno in C1 la squadra viene rivoluzionata con Giuliano Zoratti in panchina ma senza Maurizio Costantini a guidare la difesa rossoalabardata dopo ben 10 stagioni. Per  una scelta voluta dallo stesso tecnico friulano che non lo riteneva adatto. La stagione si chiude al 6 posto finale con 8 punti distante dal Monza secondo e promosso in B. 

Per Costantini invece, dopo le stagioni passate alla Triestina conclude la carriera da calciatore nel Pro Gorizia squadra con la quale nella stagione 1994/95 incontrera' proprio la sua ex squadra nel CND dopo il fallimento della Triestina nel luglio 1994. Nei 2 incontri di campionato le partite finiscono una con la vittoria larga della Triestina per 3-0 in casa, nella quale Costantini dopo esser stato premiato per i suoi trascorsi a Trieste provoca l'autorete iniziale e il ritorno con un pareggio 2-2 con gol della parita' a tempo scaduto della squadra goriziana. Maurizio Costantini nel corso della sua carriera da calciatore quasi tutta interamente nella Triestina si e' dimostrato un difensore deciso, bravo tecnicamente e grande capitano.
Nelle sue 10 stagioni passate alla Triestina giocate fra serie B e C1 ha collezionato ben 307 presenze con 5 reti risultando fino ad ora il secondo giocatore dietro solo a Pasinati, per lui invece 344 presenze, ad indossare piu' volte la casacca alabardata. Finita la carriera da calciatore ancora giovane ha intrapreso quella da allenatore prima nei dilettanti allenando il San Sergio e poi in C2 nel Pievigina e nel Giorgione nella stagione 1998/99. Nella stagione 99/00 dopo un buon campionato disputato dalla sua squadra il Giorgione viene chiamato ad allenare proprio la Triestina da Vittorio Fioretti per sostituire Andrea Mandorlini con cui aveva avuto dei  litigi.  Costantini viene scelto con le motivazioni di essere gradito alla piazza e anche come tecnico emergente. L'obiettivo come sempre in quegli anni e' la promozione in C1, dopo un buon avvio, qualche sconfitta e una lunga serie di 7 vittorie consecutive che portano la formazione di Costantini al primo posto la squadra perde dei punti e lo scontro diretto col Rimini al Rocco . Nel finale una sfida a tre per il primo posto che vede andare su direttamente il Sassari Torres, secondo il Rimini e terza la Triestina. Nei playoff  la Triestina affronta la Vis Pesaro ma viene eliminata dai marchigiani che poi nella finale col Rimini vengono promossi

Per la Triestina l'ennesima delusione di quegli anni in C2 e un nuovo cambio di tecnico infatti nonostante il buon campionato Costantini paga le scelte sbagliate delle societa' e uno spogliatoio poco unito cosi' alla fine si riparte da Ezio Rossi. Costantini dopo qualche mese di riposo viene chiamato dal Mestre in C2 verso ottobre e con lui la squadra veneta, che fa parte dello stesso girone della Triestina, disputa una grande stagione. In questa stagione il Mestre incontrera' la formazione di Ezio Rossi per ben 4 volte, le prime 2 in campionato vinte proprio dagli uomini  di Costantini  rispettivamente per 2-0 in casa e per 0-1 a Trieste e gli altri 2 incontri nelle finali play off. Il Mestre rimasto per molto tempo in testa poi a discapito del Padova che  vince la C2 arriva  alla fine del campionato terzo dietro alla Pro Patria.

 
Costantini allenatore Triestina nella stagione 1999/2000
fonte cctriestinaclub.it

Nei play off dopo aver battuto rispettivamente, Pro Vercelli la squadra di Costantini e la Pro Patria dopo una vittoria sofferta per 3-2  la Triestina, le 2 squadre si affrontano in finale. In finale la Triestina si dimostra piu ' forte in entrambi i confronti e batte il Mestre sia all'andata che al ritorno per 2-0 conquistando la promozione in C1 dopo sette tentativi. Per Costantini invece ancora una delusione che continuera' l'anno dopo con l'esonero dopo un avvio stentato da parte del presidente del Mestre e la necessitÓ di dover partire da un'altra piazza.


Costantini allenatore Acireale fonte: foto franco barbagallo  (acifotopress)

Dopo un lungo periodo di inattivita' Costantini viene chiamato a gennaio 2003 ad allenare sempre in C2 ma in una squadra del sud l'Acireale. Per lui un esperienza nuova e molto interessante in una piazza calda. Dopo un avvio stentato la squadra acese raggiunge proprio all'ultima giornata i play off con il 5 posto finale in campionato. Dopo 2 play off persi partendo da posizione migliore finalmente Costantini riesce con una sua squadra a vincerli. In semifinale dopo l'1-0 in casa contro il Brindisi, riesce superare il turno pareggiando fuori casa in terra pugliese all'ultimo minuto. In finale contro il Catanzaro dopo lo 0-0 casalingo l'Acireale espugna lo stadio calabrese per 2-0 e approda in C1.

Per Maurizio Costantini la prima grande gioia da tecnico in una squadra e un ambiente non facile, dimostrando di essere un buon allenatore e poter aspirare a far carriera anche in questo ruolo. Anche nella stagione 2003/2004 con l'Acireale in C1 disputa un bel campionato arrivando ai play off perdendo in semifinale  con la Viterbese.

Nella stagione 2004/2005 con l'acquisto del Catania da parte del presidente Pulvirenti patron anche dell'Acireale Costantini approda sulla panchina etnea in serie B finendo presto pero' quest' esperienza causa un inizio di torneo un po' al di sotto delle aspettative della societa' . Nell'estate 2005 riparte da un altra citta' del Sud Salerno in C1 guidando la Salernitana con l'obiettivo di riportare al pi¨ presto la societÓ granata nella serie cadetta. Poi negli anni successivi con risultati alterni guida squadre della Lega Pro in Prima e Seconda Divisione Sassari Torres, 2 stagioni alla Juve Stabia, Colligiana e Sacilese ultima panchina fino al Marzo 2011. Dal Settembre 2011 diventa Direttore Tecnico Trieste Calcio societÓ che milita nel torneo di Promozione nel Friuli Venezia Giulia per occuparsi dello sviluppo del settore giovanile.
Ma a fine Ottobre 2012 arriva la chiamata della nuova Unione Triestina 2012 che dopo il fallimento della Triestina nell'Estate 2012 riparte dal campionato di Eccellenza. L'avvio di stagione con mister Sambaldi Ŕ sotto le attese complice anche l'inizio di preparazione e costruzione della squadra in ritardo solo a metÓ Agosto. Alla nona giornata dopo il pari al Rocco con il Lumignacco 1-1 il tecnico Fabio Sambaldi si dimette e la societÓ rossoalabardata punta sull'ex difensore alabardato Maurizio Costantini.
Per Roccia un ritorno sulla panchina giuliana a distanza di 12 anni con l'intento e la voglia di riportare nelle categorie superiori la Triestina , squadra di cui Ŕ stato bandiera negli anni '80 ed allenatore nel campionato 1999/2000.

In Eccellenza la stagione alabardata chiude con l'amara finale Play Off di ritorno al Rocco pareggiata 3-3 con la Pro Dronero, con i piemontesi che accedono in D mentre la Triestina fallita la promozione sul campo ottiene ad Agosto il ripescaggio in Serie D con la conferma di mister Costantini in panchina.

Maurizio Costantini insomma grazie ai suoi trascorsi da calciatore e poi da allenatore e' diventato prima un beniamino dei tifosi per il suo modo di giocare in campo, da cui e' derivato il suo soprannome "roccia", e per la sua lunga militanza poi un amico dei triestini, per la sua cordialita' ed anche per esser rimasto a vivere proprio nella citta' giuliana. Per Trieste ormai e' come un triestino adottato.

Costantini Maurizio Ruolo Terzino
Esordio in serie B 11/09/1983 in Triestina-Palermo 0-0

Carriera giocatore
1979/80 Conegliano C2 13 0
1980/81 Conegliano C2 20 0
1981/82 Triestina C1 29 2
1982/83 Triestina C1 30 0
1983/84 Triestina B 22 0
1984/85 Triestina B 35 1
1985/86 Triestina B 31 1
1986/87 Triestina B 33 0
1987/88 Triestina B 35 0
1988/89 Triestina C1 33 0
1989/90 Triestina B 34 1
1990/91 Triestina B 25 0
1991/92 Pro Gorizia CND 19 1
1992/93 Pro Gorizia Ecc    
1993/94 Pro Gorizia CND 27 1
1994/95 Pro Gorizia CND 30 0
  Carriera allenatore
1995/96 San Sergio Ecc
1996/97 Pievigina CND
1997/98 Pievigina CND
1998/99 Giorgione C2B
1999/00 Triestina C2B
2000/01 Mestre C2A
2001/02 Mestre C2B
2002/03 Acireale C2C
2003/04 Acireale C1B
2004/05 Catania B
2005/06 Salernitana C1
2006/07 Sassari Torres C2A
2007/08 Juve Stabia C1B
2008/09 Juve Stabia C1B
2009/10 Colligiana C2B
2010/11 Sacilese C2A
2012/2013 Triestina Ecc

 

Home  indietro

 

NOTA SUI DIRITTI D'AUTORE: Dove non espressamente indicato, le foto e gli schemi sono dell'autore. Se qualcuno desiderasse riprodurli pu˛ farlo soltanto se per uso strettamente personale. Per una loro copia, diffusione, pubblicazione elettronica o cartacea, Ŕ richiesto il consenso dell'autore.

 

 

Inviate i vostri suggerimenti, commenti e foto di gare della Triestina alle mail 
UNIONE02@VIRGILIO.IT o WEBMASTER@UNIONETRIESTINA.IT
Specificando il vostro nome e verrano pubblicate. Vi aspettiamo numerosi. GRAZIE!!!