Home Page   Home Page
Commenti sulla serie B 2004/2005
 

 Il campionato della TRIESTINA stagione 2004/2005

Tre quarti di campionato della squadra alabardata nel campionato di serie B

a cura di Emanuele

Che dire di questi tre/quarti di campionato?
La Triestina ha fatto e disfatto, ha fatto preoccupare i tifosi ed Ŕ riuscita in queste ultimissime giornate a risollevare la testa, regalando qualche soddisfazione.
All'inizio del campionato le premesse erano quelle a cui, giustamente, dovremo abituarci: squadra costruita con i giusti soldi, senza nomi di grido, con qualche punto fermo e tanti giovanotti di buone speranze o giocatori in cerca di riscatto.
La politica del presidentissimo non fa una piega e mi sento di sposarla completamente.
FinchŔ a Trieste non avremo un tifoso dell'Unione che, oltre a presentarsi sui vari palchi celebrativi dopo qualche vittoria, sia capace di tirare fuori i soldi, dovremo accettare senza lamentele le strategie commerciali di un imprenditore che ha dato tantissimo alla Triestina ma che, volenti o nolenti, guarda con grande attenzione il portafoglio. E visto che i soldi sono suoi, credo sia legittimo...
Tornando alla stagione 2004-2005, credo che i risultati fin qua raggiunti siano il frutto della politica societaria.
La rosa Ŕ stata composta principalmente da un'ossatura della stagione precedente ed il solito arrivo, tra prestiti e comproprietÓ, di giovani e giovanissimi.
La prima parte della stagione Ŕ stata un po' sfortunata.
A parte qualche indubbio errore arbitrale, secondo me vanno rilevate alcune importanti carenze di organico determinatesi con qualche infortunio di troppo. Ba¨, Parola, Minieri, sono i giocatori che pi¨ sono mancati all'inizio e che, nelle intenzioni, dovevano essere tra i punti fermi della nuova Unione.
Oltre alla "sfiga" ci si Ŕ messa pure qualche mancata riconferma. Il Moscardelli di quest'anno non riesce ad essere nemmeno il lontano parente del micidiale bomber del girone di andata dello scorso campionato. Il Pecorari dell'inizio di stagione, per colpe non sue, si Ŕ trovato a dover ricercare affiatamento con il nuovo centrale di turno, dopo che Bega ha sfruttato, giustamente, la chance di ammirare "Magic Box" Zola.
L'attacco asfittico e la difesa colabrodo, hanno determinato qualche debacle di troppo, non supportati nŔ in fase offensiva, nŔ in fase difensiva da un centrocampo rivelatosi non all'altezza, vista la presenza di tanti neo-acquisti.
Verso la fine del 2004 ed all'inizio del 2005 c'Ŕ stata la svolta.Le pedine assenti sono rientrate nei ranghi, qualche giocatore fuori forma ha iniziato a carburare.
Il gol di Godeas contro la Salernitana pu˛ essere senza dubbio definito come l'inizio di un nuovo campionato.
La Triestina impacciata, sfiduciata e forse rassegnata, con Tesser in bilico, ha lasciato spazio ad una squadra pi¨ coraggiosa, convinta e spregiudicata.
Tesser ha forse trovato la chiave giusta, la quadratura del cerchio: un mai del tutto convincente Rigoni Ŕ stato sacrificato sull'altare di un nuovo modulo che, per il momento, sta dando grande equilibrio e pericolositÓ.
Il grande Munari (veramente bravo ed indomabile) ed un Ba¨ pi¨ concreto stanno dando grande supporto agli attaccanti, consentendo, allo stesso tempo, di raddoppiare la diga centrale a centrocampo (Parola e la new entry Briano), non costringendo il vertice basso del vecchio rombo ad infinite rincorse a destra e sinistra ed aumentando di conseguenza anche la tenuta difensiva.
Se il livello non Ŕ da top team, Ŕ abbastanza evidente che l'Unione non Ŕ da retrocessione (toccato tutti gli amuleti?). I giocatori sono in forma, corrono, lottano e, credo, si divertono.
La quota play-out Ŕ lý ad un passo ma il trend sembra essere cambiato ed il finale di campionato potrebbe anche regalare ulteriori gioie...

Emanuele

 

Home  indietro

 

 

Inviate i vostri suggerimenti, commenti e foto di gare della Triestina alle mail 
UNIONE02@VIRGILIO.IT o WEBMASTER@UNIONETRIESTINA.IT
Specificando il vostro nome e verrano pubblicate. Vi aspettiamo numerosi. GRAZIE!!!